Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo come descritto nella nostra . Informativa sui cookie.
+39 0586892032 habitat@residencehabitat.it
  • IMG_1019
  • IMG_1081 - Copia - Copia
  • IMG_1149
  • DSC_1857
  • DSC_0317
  • dia_0086 - Copia
  • dia_0055
  • DSC_1786 - Copia - Copia
  • 75767181

Informazioni Turistiche

Marina di Bibbona, con i suoi 4 km di spiaggia e di dune, sovrastate dall’antico forte* costruito dai Francesi nel 700, è oggi una delle più frequentate località turistiche dell’Alta Maremma e della Costa degli Etruschi.

La particolare posizione geografica al centro della Toscana e la vicinanza ai centri storici più rinomati della zona, ne fanno un perfetto punto d’appoggio per le escursioni, mentre il clima mite, la tranquillità e la bellezza della natura circostante, la rendono una rilassante oasi per le vacanze estive di tutta la famiglia. 

Da molti definita “cittadella-giardino”, Marina di Bibbona è bagnata da uno dei mari più belli e puliti d’Italia. Oltre alla spiaggia libera, è possibile usufruire dei servizi offerti dagli stabilimenti balneari situati lungo tutto il litorale, come ad esempio il Delfino Blu con il quale i clienti del Residence Habitat hanno uno sconto sui servizi offerti del 10%.

Per chi ama il movimento, un’occasione per praticare svariati sport acquatici, ma anche trekking e biking nella fresca macchia mediterranea che costeggia tutto il litorale.
Come non ricordare, infatti,  il campione olimpico e mondiale Paolo Bettini, originario di Bibbona, dalla cui terra nasce la passione per la bici e che proprio con la maglia del G.S. la California a soli 7 anni conquistava ben 23 vittorie su 24.

Poco distante dal mare, il bosco della Macchia della Magona* è una  piacevole isola verde collegata ai boschi volterrani e al sistema dei parchi della Val di Cornia attraverso una fitta rete di sentieri.
L’area protetta si estende su una superficie di oltre 1.600 ettari ed ospita le principali specie di vegetazione mediterranea ed un’interessante oasi biogenetica.

Sedici itinerari – percorribili a piedi, a cavallo o in mountain bike – conducono alla scoperta di splendidi quadri ambientali: boschi di latifoglie, pino bruzio e domestico, macchie di corbezzoli e ginestre aceri, lecci, cerri, viburni ed eriche costituiscono l’habitat naturale di cinghiali, daini, lepri, martore e istrici.

Siamo a 30 chilometri da Livorno (SS. 1): lasciando l'auto presso l'abitato di Vada, ci si può immettere nella strada asfaltata che costeggia l'arenile, svolta in direzione del mare dopo 3 chilometri, supera una sbarra della Forestale e prosegue lungo una comoda rete di strade sterrate in direzione di Marina di Cecina e Marina di Bibbona. L'itinerario è particolarmente consigliato ai ciclisti

Ricordiamo anche in questo caso la manifestazione a carattere agonistico ed escursionistico per gli amanti della mountain bike, la ”Granfondo Costa degli Etruschi”, che si tiene a maggio e prevede una marathon di 69 km, una point to point di 51 km ed una rassegna non agonistica.

Dal 2003 il Comune di Bibbona ha ricevuto l’ambita Bandiera Blu, riconoscimento internazionale assegnato ogni anno dalla Foundation for Enviromental Education, che viene festeggiata in piazza del Forte a Marina di Bibbona all’inizio dell’estate
La Bandiera Blu premia la qualità delle acque e della costa, le misure di sicurezza predisposte dal comune e le iniziative prese nel campo dell’educazione ambientale.

 Nella piazza centrale del borgo storico sorge la Chiesa di Sant’Ilario, edificio sacro risalente all’XI secolo e fulcro attorno al quale si sviluppa l’intero abitato. All’nterno è custodito un tabernacolo in marmo bianco.
Edificata nel XV secolo da Ranieri Tripalle su progetto di Vittorio Ghiberti, la Chiesa di Santa Maria della Pietà divenne sede nel 1577 dei monaci dell’Abbazia di Santa Maria del Mansio.

La costruzione, a croce greca con bracci sormontati da volte, vanta una cupola centrale in terracotta ed all’ingresso, sulle architravi, incisioni tratte da racconti biblici.

Mirabile la Trinità di Cesare Dandini (1595-1658) conservata all’interno.
Nell’occasione ricordiamo la Sacra Rappresentazione della Passione di Cristo: processione che si svolge per le vie del borgo il Venerdì Santo.

Close