• La Macchia della Magona
  • La Macchia della Magona
  • La Macchia della Magona
  • La Macchia della Magona

La Macchia della Magona

Dal campo sportivo di Bibbona (mt 67) prendere l'asfalto per Bolgheri costeggiando villette su rettilineo, dopo 500 mt. alla curva a dx a gomito entrare sullo sterrato a sx, tenere la dx, proseguire, lasciare l' Agriturismo I Lecci (km 1,0) a dx e proseguire sulla strada sterrata.
Si lascia un'altra casa a sx e si inizia a scendere ricongiungendosi sotto la torretta dell'acquedotto alla strada asfaltata che proviene dal cimitero (km 1,6), si passa per la Fornace e la strada scende al bivio di Poggio Cornetto (km 2,0), dove si tiene la sx su sterro.
Subito prima di un ponticino si piega a sx (km 2,6) e successivamente a sx lungo un viale bordato da cipressi in salita; in cima si tiene la dx (km 3,4), si incontra un rudere per immettersi successivamente sul segnato n°1 e poi sul sentiero n.2 che sale da dx.
Al km 4,7 lasciamo il segnato 1 a sx e proseguiamo sulla mulattiera n°2 che sale decisamente verso Le Fornacine (km 5,9 mt 295). Qui si gira a sx sul sentiero 4, ma lo si lascia subito proseguendo a sx, dapprima in single in salita nel bosco, poi in discesa ai margini di una tagliata.
 Al km 6,6 durante la ripida discesa dobbiamo fare attenzione a prendere il primo viottolo a dx, ancora in discesa ripida fino a sboccare sulla sterrata che proviene da Poggio al Pero (km 6,9). Si prende a destra, mantenendo la principale oltre una sbarra.
Dopo un breve tratto in discesa (km 7,2) la stradafarebbe un tornante a sinistra continuando a scendere, mentre noi dobbiamo imboccare a dx la strada di bosco che ricomincia a salire, si tiene ancora la dx dopo poche decine di metri, immettendosi in uno stradello che risale nel bosco fino a divenire un single scorrevole.
Al km 8,3 arriviamo ad un tornante destrorso da dove dipartono tre sentieri. Noi tralasciamo la prima a sx, compiamo il tornante ed imbocchiamo la successiva a sx, in pratica andando dritto appena concluso il tornante, continuando a salire nella macchia.
Dopo aver superato un capanno di caccia si arriva in una radura fuori dal bosco (km 9,00), qui dobbiamo individuare una traccia erbosa che sale a dx in dura salita verso il Podere Trieste.
In cima si gira a dx su sterrata, superiamo una catena e dopo 100 mt a sx siamo di nuovo sul sentiero 2 che seguiamo fino al Passo del Terminino (km 10,0; mt 280 ca). (N.b.Il tratto descritto dalle Fornacine sino a qui è stato parte del percorso di gara della Granfondo Costa degli Etruschi ed è frequentatissimo dai bikers locali, per cui è ben battuto e ben evidente. Fare comunque attenzione alla possibilità di incontrare battute di caccia al cinghiale. In alternativa, dalle Fornacine possiamo più semplicemente proseguire sul sentiero 2 fino al Terminino, accorciando un po' il percorso).
Qui si incontrano ben cinque strade, noi proseguiamo a diritto sul sentiero 10 fino al successivo incrocio di Poggio al Fango (km 11,8; mt 340), dove iniziamo sulla dx il primo tratto di discesa su singletrack, segnato come sentiero 7. Il single, dopo che abbiamo mantenuto la traccia principale a dx al km 13,8, termina nei pressi della Casetta Forestale(km 14,3; mt 158), dove andiamo a sx, raggiungendo in breve la sterrata segnata come numero 9 (km 14,5; sbarra), si gira a dx ancora in discesa fino all'incrocio con la strada principale (km 15,0; segnato 5), che presa a dx riporterà al Passo del Terminino (km 18,7; mt 280 ca), con gli ultimi 500 metri in forte salita.
Si imbocca di nuovo il sentiero 10, ma stavolta a Poggio al Fango (km 20,5; mt 340) si piega a sinistra salendo verso leGolazze Aperte. Dopo aver passato un casotto (Il Carbonaione; km 22,1) arriviamo al Passo Il Morticino (km 24,3; mt 467) e proseguiamo a dritto arrivando dopo 600 metri al Passo delle Golazze Aperte (mt 477), in prossimità di una catena che segna il confine con la riserva di Monterufoli/Caselli. Qui si prende a dx lo stretto sentiero 16 fino ad un punto panoramico distante circa 300 mt dalla catena. La vista che si apre da qui sul panorama sottostante vale questa breve deviazione.
Si torna indietro e si incomincia a scendere la strada percorsa in precedenza fino al Passo Il Morticino (km 26,4) imboccando a sx in discesa un sentierino indicato da un evidente cartello in legno con indicazioni "Immaginetta" che raggiungiamo con sentiero abbastanza tecnico al km 27,5.
Qui andiamo a dritto ancora in discesa e imbocchiamo il sentiero 14, un bellissimo, tecnico e lungo single che termina sull'ampio sterrato 9 (km 30,1; mt 155), prendiamo a dx in discesa verso Campo di Sasso. Dopo 500 metri la strada ricomincia a salire, noi teniamo la principale a dx ed arriviamo in breve alla Casetta, dove a sx superiamo un cancello e ricominciamo a scendere, fino ad arrivare al bivio di Poggio Cornetto.
Da qui percorriamo a ritroso il tratto percorso all'andata, andando a sx in salita al bivio della Fornace (km 34,1; indicazioni Podere Nòvo), poi in piano, ed in breve trovando l'asfalto della Bolgherese (km 35,2) che imbocchiamo a dx per il Campo Sportivo di Bibbona (km 35,7)